Percorso: Isabella Rauti > Rassegna stampa > Agricolae.eu – Interrogazione, Bernini FI Senato, su pesanti ricadute socio-economiche da plastic e sugar tax

Agricolae.eu – Interrogazione, Bernini FI Senato, su pesanti ricadute socio-economiche da plastic e sugar tax

Atto Senato

Mozione 1-00200

presentata da

ANNA MARIA BERNINI

mercoledì 15 gennaio 2020, seduta n. 181

BERNINI, ROMEO, CIRIANI, TOSATO, FAGGI, MONTANI, MALAN, PICHETTO FRATIN, RAUTI, SAPONARA – Il Senato,

premesso che:

l’ultima legge di bilancio per il 2020 (legge 30 dicembre 2019, n. 160) ha introdotto le cosiddette plastic tax esugar tax;

all’articolo 1, commi 634-658, si stabilisce l’istituzione e si disciplina l’applicazione di un’imposta sul consumo di manufatti in plastica con singolo impiego (MACSI) che hanno o sono destinati ad avere funzione di contenimento, protezione, manipolazione o consegna di merci o di prodotti alimentari, ad esclusione dei manufatti compostabili, dei dispositivi medici e dei MACSI adibiti a contenere e proteggere medicinali;

giova evidenziare che esiste già una norma volta a favorire il riuso degli imballaggi in plastica e che prevede un contributo obbligatorio in capo ai fabbricanti: si tratta del “contributo ambientale CONAI” che rappresenta la forma di finanziamento attraverso la quale il consorzio nazionale imballaggi ripartisce tra produttori e utilizzatori il costo per gli oneri della raccolta differenziata, per il riciclo e per il recupero dei rifiuti di imballaggi;

numerose aziende e associazioni di categoria (Assica, Assolatte e Unitalia, Nestlé italiana SpA, Assobibe, Federalimentare) hanno, già durante l’esame del disegno di legge di bilancio, fortemente stigmatizzato la nuova tassazione sulla plastica, rappresentando le pesanti criticità che ne scaturiscono e, in particolare: la lesione alla competitività delle aziende italiane, con un gap competitivo insostenibile, un allontanamento di investimenti dal Paese, minori attività sull’indotto e perdita di posti di lavoro, un incremento sensibile dei packaging di plastica con l’impatto peggiore sulle acque minerali e la mancanza di alternative di imballaggio sicure in grado di garantire ai consumatori i medesimi requisiti di sicurezza, salubrità e qualità alimentare;

la filiera della tassazione andrà, comunque, a scaricarsi sui consumatori, che faranno a meno di alcuni generi di consumo fondamentali e il costo per i produttori della packaging valley, per l’indotto e per l’agricoltura, sarà molto più alto rispetto a quanto l’erario potrà incassare dall’imposta;

premesso altresì che:

i commi 661-676 dell’articolo 1 della legge di bilancio per il 2020 prevedono l’istituzione e disciplinano l’applicazione di un’imposta sul consumo di bevande analcoliche edulcorate nella misura di 10 euro per ettolitro nel caso di prodotti finiti e di 0,25 euro per chilogrammo nel caso di prodotti predisposti a essere utilizzati previa diluizione;

similarmente agli effetti della plastic tax, in questo quadro, una tassa per litro non incentiverà i consumatori a sostituire le bevande ad alto contenuto di zucchero con alimenti a basso contenuto di zucchero, ma a sostituire il bene tassato con uno non tassato, che però potrebbe avere lo stesso contenuto di zuccheri del primo;

si tratta di due imposte che vanno a colpire le aziende in un momento particolarmente difficile per il mercato, considerando che negli ultimi 10 anni il consumo di bibite gassate è calato del 25 per cento soprattutto tra i giovani che rappresentano il principale target del prodotto e le due tasse dovrebbero produrre un ulteriore calo del 10 per cento sui volumi;

considerato che:

le conseguenze previste dall’introduzione delle due imposte si stanno concretizzando già prima della loro entrata in vigore prevista rispettivamente per luglio (plastic tax) e ottobre 2020 (sugar tax);

alcune imprese del settore della produzione di soft drink hanno già annunciato che, in ragione dell’introduzione delle nuove tasse, delocalizzeranno i propri stabilimenti, creando gravi disagi all’occupazione;

in particolare, la plastic tax sta già comportando conseguenze negative sugli investimenti e la produzione in molte regioni, ed in particolar modo nell’Emilia-Romagna, principale distretto di imballaggio in Italia, mettendo a rischio tutto il sistema imprenditoriale composto da 228 imprese con quasi 17.000 occupati;

l’Italia è leader mondiale del packaging e le aziende migliori si trovano proprio sulla via Emilia, producendo oltre 3 miliardi di euro di fatturato all’anno, ossia il 60 per cento dell’industria nazionale delle macchine automatiche. È uno degli “hub” più importanti d’Europa per la costruzione di macchinari che impacchettano i prodotti merceologici più diffusi, “un’isola felice” che ha saputo fronteggiare la crisi mantenendo target di occupazione ed export ai massimi livelli, tanto da superare anche la concorrenza tedesca e cinese;

Confagricoltura Emilia-Romagna a difesa della filiera bieticolo-saccarifera si è schierata al fianco di Coprob nella battaglia contro l’imposta sulle bibite zuccherate. La cooperativa bolognese, che è rimasta l’unica a produrre zucchero 100 per cento italiano con due stabilimenti, a Minerbio (Bologna) e Pontelongo (Padova), conta 7.000 aziende agricole conferenti e 30.000 ettari coltivati, di cui 20.000 in Emilia-Romagna e la restante parte in Veneto;

la difesa delle produzioni locali come quella bieticolo-saccarifera è una priorità non solo per la tenuta sociale ed economica del territorio, ma anche per continuare a garantire la qualità dei prodotti simbolo dell’agroalimentare made in Italy. La bieticoltura ricopre un ruolo rilevante sotto il profilo agronomico e ambientale per il contributo alla conservazione delle caratteristiche dei suoli;

inoltre, un aumento della tassazione sulle imprese spingerà queste ultime a rivedere i propri piani aziendali di investimento o addirittura trasferire i propri siti di produzione in altri Paesi dove l’imposizione è più favorevole, esattamente come si accingono a fare due impostati aziende come Coca Cola e San Pellegrino;

il “combinato disposto” di sugar e plastic tax peserà per 160 milioni di euro su Coca-Cola HBC Italia, il principale produttore e distributore di bevande a marchio Coca-Cola Company in Italia, che ha già annunciato, il 6 dicembre 2019, la sospensione di investimenti in Italia da parte del gruppo e l’annuncio dell’acquisto di arance per la Fanta non più in Sicilia ma all’estero, con il fine di sgravare i costi appesantiti oltremodo dalle misure. Tale volontà, se verrà confermata, rischia di arrecare un danno pesantissimo all’economia della Sicilia con ulteriori riflessi negativi ad una situazione già drammatica per le imprese e per l’occupazione. Infatti Coca-Cola, che ha investito tanto sulla filiera agrumicola nostrana, sulle infrastrutture, sui progetti sociali, e che nel 2018, come dimostra l’impatto occupazionale documentato di recente, ha distribuito e generato in Sicilia risorse per 48,2 milioni di euro (pari allo 0,05 per cento del PIL regionale), è costretta oggi a fare inversione di marcia, rivedendo i piani di sviluppo, bloccando 49 milioni di euro di investimenti in Italia che erano previsti il prossimo anno, così come i piani assunzionali;

ancora, la Sibeg, l’imbottigliatore siciliano autorizzato che si occupa della produzione e della commercializzazione delle bevande a marchio The Coca-Cola Company e di tutte le attività di marketing e pubblicità in Sicilia, ha dichiarato di essere pronta a trasferire la linea produttiva della Coca Cola da Catania a Tirana, in Albania, per fronteggiare i due nuovi balzelli, mettendo a rischio circa 150 posti di lavoro;

si rischia di intaccare il tessuto economico di un’altra importante regione italiana, in questo caso del meridione, depauperando territori che sono già in sofferenza, dato che si mette in seria difficoltà una delle poche realtà di rilievo che permane nel panorama delle imprese presenti al Sud e in Sicilia;

conseguenze preoccupanti ci saranno anche per il gruppo San Pellegrino che pensa ad un calo del 7 per cento sui volumi di acqua minerale e il 14 per cento sulle bibite. Ugualmente, in questo caso, la strategia aziendale potrebbe cambiare con meno investimenti e possibili effetti negativi per l’occupazione,

impegna il Governo ad attivarsi al fine di sopprimere le due imposte, provvedendo il prima possibile anche mediante strumenti normativi d’urgenza.

(1-00200)

[Fonte: www.agricolae.eu]

Questa voce è stata pubblicata in Rassegna stampa.