Percorso: Isabella Rauti > Senato > Interrogazioni prima firmataria > Interrogazione a risposta scritta – Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-02418 – Al Ministro per la pubblica amministrazione

Interrogazione a risposta scritta – Atto di Sindacato Ispettivo n° 4-02418 – Al Ministro per la pubblica amministrazione

Atto n. 4-02418

Pubblicato il 5 novembre 2019, nella seduta n. 162

RAUTI – Al Ministro per la pubblica amministrazione. –

Premesso che:

l’articolo 14 della legge n. 124 del 2015, recante deleghe al Governo in materia di riorganizzazione delle pubbliche amministrazioni, prevede la promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro nelle amministrazioni pubbliche;

in particolare, le amministrazioni pubbliche sono tenute ad adottare “misure organizzative volte a fissare obiettivi annuali per l’attuazione del telelavoro e per la sperimentazione, anche al fine di tutelare le cure parentali, di nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa”;

la promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro è un parametro previsto nelle agende politiche europee ormai da più di un ventennio;

la riforma introdotta con la direttiva del Ministro per la semplificazione e la pubblica amministrazione e le relative linee guida, ultima, la circolare n. 3 del 1° giugno 2017, recante “Direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri recante indirizzi per l’attuazione dei commi 1 e 2 dell’articolo 14 della legge 7 agosto 2015, n. 124 e linee guida contenenti regole inerenti all’organizzazione del lavoro finalizzate a promuovere la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro dei dipendenti”, hanno reso obbligatoria per le amministrazioni l’attivazione di modalità di lavoro a distanza;

l’obiettivo, come noto, è quello di permettere, entro un triennio, ad almeno il 10 per cento dei dipendenti, ove lo richiedano, di usufruire di tale opportunità di riorganizzazione del proprio tempo di lavoro e di vita;

diverse amministrazioni pubbliche centrali e locali hanno realizzato progetti sperimentali di lavoro agile (smart working),

si chiede di sapere:

quale sia lo stato di attuazione di tale processo di riforma amministrativa;

entro quale termine e con quali tempistiche e modalità il Ministro in indirizzo ritenga di poter dare piena attuazione a tale riforma, prevedendo l’introduzione di tali nuove modalità spazio-temporali di svolgimento della prestazione lavorativa.

[Fonte: www.senato.it]

Questa voce è stata pubblicata in Interrogazioni prima firmataria.