Percorso: Isabella Rauti > Primo piano > Caro papà

Caro papà

14910305_1143511772401605_2221312118364819884_n

Caro papà,
sono passati quattro anni dalla tua scomparsa e da quel momento convivo con il dolore e il ricordo.
Ma non solo, resti tu la mia speranza di un mondo migliore.
Possiamo dimenticare ciò che abbiamo nella testa, talvolta ciò che abbiamo vissuto ma non possiamo scordare quello che abbiamo nel cuore e che abbiamo amato.
Ed è per questo che abbiamo inciso nella pietra e urlato al vento
“Quello che veramente ami rimane, il resto è scorie
Quello che veramente ami non ti sarà strappato
Quello che veramente ami è la tua vera eredità” (…)
Grazie papà per “Aver raccolto dal vento una tradizione viva o da un bell’occhio antico la fiamma inviolata”

dai Canti Pisani di Ezra Pound

Questa voce è stata pubblicata in Primo piano.