Percorso: Isabella Rauti > Lanci di agenzia > ANSA – Maltempo: FdI, Governo non si limiti a messaggi solidarietà. “Calabria necessita di intervento straordinario dell’esecutivo”

ANSA – Maltempo: FdI, Governo non si limiti a messaggi solidarietà. “Calabria necessita di intervento straordinario dell’esecutivo”

(ANSA) – CATANZARO, 6 OTT – “L’attenzione del Governo sul disastro provocato dal maltempo che nelle scorse ore si è abbattuto sulla Calabria non si esaurisca con i messaggi di solidarietà, spegnendosi insieme alle telecamere dei tg nazionali”. Lo affermano, in una nota, i vice capogruppo alla Camera ed al Senato di Fratelli d’Italia Wanda Ferro e Isabella Rauti.
“Mentre ancora si scava nel fango alla ricerca di un bimbo disperso – aggiungono – ci sono interi territori messi in ginocchio dalla furia del temporale: dalle Preserre catanzaresi al Lametino, al Vibonese, al Crotonese, alla Locride, ovunque si registrano abitazioni evacuate, strade cancellate da frane e smottamenti, ponti crollati, aziende agricole e capannoni industriali invasi dall’acqua e dal fango. La Calabria necessita di un intervento straordinario del Governo sia per far fronte ai danni, sia per avviare un efficace piano di salvaguardia e di messa in sicurezza di un territorio a grave rischio idrogeologico. Ci rivolgiamo soprattutto ai parlamentari pentastellati eletti nella regione e chiediamo che per la Calabria il governo abbia la stessa attenzione che ha giustamente riservato a Genova: non ci sono disastri di serie A e disastri di serie B. Per troppi anni si sono trascurati gli interventi di manutenzione del territorio e di messa in sicurezza della viabilità interna. Da un lato si è registrata una colpevole (o dolosa?) disattenzione di una politica che sembra più interessata a spendere risorse in regime di emergenza che ad investire sulla prevenzione; dall’altro sono state tagliate in maniera dissennata le risorse che le Province avrebbero dovuto investire nella manutenzione della rete stradale. Se ad ogni temporale le strade calabresi diventano trappole mortali, la colpa non è delle bombe d’acqua, ma di chi non ha consentito che venissero ripuliti i canali di scolo e le cunette, spesso invasi da erbacce e detriti proprio perché gli enti non hanno i soldi per effettuare questi pur piccoli interventi di manutenzione”.(ANSA).
COM-DED/FLC
06-OTT-18 19:37 NNN
***********************************

Questa voce è stata pubblicata in Lanci di agenzia.